Storia e Filosofia del Metodo Yamaha

(Come e perchè nasce il SISTEMA DI EDUCAZIONE MUSICALE YAMAHA)

La considerazione di alcuni studiosi per i quali “in una società moderna (siamo nella prima metà del 1900) un programma di educazione musicale non può mancare in quanto la Cultura Musicale influenza positivamente la società ed educa alla socializzazione in modo duraturo”, offre ad alcuni educatori giapponesi, l’imput per la nascita di un sistema educativo rivoluzionario.

Numerosi studi dimostrarono che, se è vero che non tutti nascono con un talento musicale naturale, è anche vero che in ciascun individuo è insito il senso del ritmo, che i bambini già da piccolissimi gradiscono ed apprendono facilmente melodie, che amano muoversi al ritmo e che chiunque, a prescindere dall’ambiente sociale, culturale e dalle proprie condizioni economiche, può diventare un bravo musicista se ha l’opportunità di studiare con un metodo appropriato.

Così nel 1954, quando ancora nel mondo si pensava che la Musica appartenesse a categorie privilegiate e a personalità già formate, nel negozio Yamaha del quartiere di Ginza, nasce il SISTEMA DI EDUCAZIONE MUSICALE YAMAHA per per bambini in età prescolare. Questa, avvalendosi di una metodologia innovativa che teneva in debita considerazione le caratteristiche dei bambini in relazione alla loro età e al loro sviluppo psico-fisico, partendo dall’ascolto della Musica, riusciva a dare ai bambini la gioia di suonare insieme, accresceva  le loro capacità creative, li maturava meglio e più rapidamente e gli rendeva più facile anche l’apprendimenteo dei principi sui quali si fonda la Musica.

METODOLOGIA

ll  SISTEMA DI EDUCAZIONE MUSICALE YAMAHA, proprio in quanto basato sul metodo naturale, pur essendo mpegnativo, risulta veloce, piacevole, divertente ed è adatto a TUTTI: bambini, adolescenti, giovani, adulti e terza età.

FINALITA’

I Corsi Yamaha sono studiati per mettere TUTTI in condizione di realizzare con successo il percorso musicale preferito e fare crescere il proprio talento musicale attraverso:
– una corretta impostazione
– una capacità di una lettura delle note a prima vista
– educazione e sviluppo del proprio “orecchio musicale”
– capacità di improvvisazione
– acquisizione delle tecniche di accompagnamento
– sviluppo della creatività

Dalle statistiche, fino al 2009, nel mondo si contavano circa 1.000.000 di allievi. Solo in Italia 120 Scuole Yamaha frequentate da circa 8.000 allievi con circa 5.000 diplomati.